Spedizione Gratis da soli € 34,90 

Spedizione in 24/ 48h

Perdita inestimabile di foreste primarie nel 2019

Foresta

 

I tropici hanno perso quasi 12 milioni di ettari di copertura arborea nel 2019, secondo i dati dell'Università del Maryland, pubblicati di recente su Global Forest Watch. Per quasi 4 milioni di ettari si tratta di una perdita verificatasi all'interno di foreste primarie tropicali, aree di foresta pluviale matura particolarmente importanti per la biodiversità e lo stoccaggio del carbonio. Si tratta dell'equivalente della perdita di un campo da calcio di foresta primaria ogni 6 secondi per tutto l'anno.

La scomparsa di foreste primarie è stata del 2,8 per cento superiore nel 2019 rispetto all'anno precedente ed è rimasta costantemente elevata negli ultimi due decenni, nonostante gli sforzi per fermare la deforestazione. Almeno 1,8 gigatonnellate di emissioni di anidride carbonica sono associate alla perdita di foreste primarie nel 2019, equivalente alle emissioni annuali di 400 milioni di automobili. Sebbene il tasso di perdita delle foreste primarie sia stato inferiore nel 2019 rispetto agli anni record del 2016 e del 2017, è stato comunque il terzo più alto dall'inizio del secolo.

I dati del 2019 rivelano che diversi paesi hanno subito perdite record, e gli incendi hanno creato impatti sorprendenti nelle foreste primarie e non solo. Anche se la situazione rimane tetra a livello globale, alcuni paesi hanno mostrato segni di miglioramento, dando lezioni ad altre nazioni.

Gli incendi in Bolivia sono fuori controllo

 

La Bolivia ha registrato una perdita di copertura arborea da record a causa degli incendi, sia all'interno delle foreste primarie che nei boschi circostanti. La perdita totale di copertura arborea del Paese nel 2019 è stata superiore di oltre l'80% rispetto all'anno successivo, il più alto mai registrato.

Gli incendi diffusi nel 2019 sono stati causati da una combinazione di condizioni climatiche e attività umane. Molti degli incendi in Bolivia sono stati probabilmente appiccati dall'uomo - come ogni anno per ripulire i terreni agricoli da piantare - ma si sono diffusi fuori controllo nelle foreste a causa dei venti sostenuti e del clima secco. L'agricoltura su larga scala è uno dei principali fattori di deforestazione in Bolivia, in particolare per l'allevamento di soia e bestiame. Il governo boliviano ha apportato diverse modifiche normative negli ultimi anni per promuovere l'espansione dell'agricoltura, tra cui l'allentamento delle restrizioni sulle fiamme controllate.

Il Brasile ha causato un terzo della perdita di foreste primarie tropicali nel mondo

Perdita foresta disboscamento 

 

Il Brasile da solo ha rappresentato oltre un terzo di tutte le perdite di foreste primarie tropicali umide nel mondo, con più foreste primarie perdute di qualsiasi altro paese tropicale nel 2019. Al di fuori del 2016 e del 2017, quando gli incendi boschivi hanno causato una perdita di foreste senza precedenti, il 2019 è stato l'anno peggiore degli ultimi 13 anni per le foreste primarie del Brasile.

I dati sulla perdita di foreste primarie su Global Forest Watch rilevano un'ampia gamma di problematiche legate a questi ecosistemi - dalla deforestazione per l'agricoltura agli incendi fino al disboscamento selettivo. Mentre l'aumento della perdita di foreste primarie dal 2018 al 2019 è stato modesto, i dati del governo indicano che una particolare forma di perdita di foreste - la deforestazione per l'agricoltura o per altri nuovi usi del suolo - è rapidamente aumentata nell'Amazzonia brasiliana nell'ultimo anno.

L'Africa centrale ha subito perdite sostenute, mentre le cose sono migliorate nell'Africa occidentale

 

Diversi Paesi del bacino del Congo hanno subito una perdita di foreste primarie o un peggioramento nel 2019, tra cui la Repubblica Democratica del Congo. Sebbene la perdita di foreste primarie sia leggermente diminuita rispetto al 2018, il 2019 ha registrato la terza perdita totale annua più elevata mai registrata.

La maggior parte della perdita di foreste primarie nella RDC sembra essere ancora in aree agricole cicliche che tipicamente nutrono le popolazioni locali, ma stanno emergendo prove del fatto che alcune di esse possono essere legate al disboscamento commerciale su larga scala, all'estrazione mineraria e alle piantagioni. La perdita di foreste primarie nelle aree protette della RDC è leggermente aumentata, soprattutto nelle riserve e nelle aree di caccia che hanno meno risorse finanziarie per far rispettare Le regole rispetto ai parchi nazionali, così come nella parte orientale del paese dove c'è una maggiore pressione demografica da parte degli sfollati e dei conflitti.

L'Africa occidentale ha registrato una promettente tendenza al ribasso dopo il forte aumento della perdita di foreste primarie dello scorso anno. Sia il Ghana che la Costa d'Avorio hanno ridotto la perdita di foreste primarie di oltre il 50 per cento nel 2019 rispetto all'anno precedente. Una serie di iniziative positive potrebbero essere responsabili del trend negativo: i programmi REDD+ e gli impegni di entrambi i Paesi e delle principali aziende produttrici di cacao e cioccolato per porre fine alla deforestazione. Un calo di un anno è incoraggiante, ma il tempo dirà se questi sforzi avranno un impatto duraturo.

L'Indonesia ha mantenuto perdite inferiori per il terzo anno consecutivo

 

In termini positivi, la perdita di foreste primarie in Indonesia è diminuita del 5% nel 2019 rispetto all'anno precedente, segnando il terzo anno consecutivo di perdite inferiori. L'Indonesia non vedeva livelli così bassi di perdita di foreste primarie dall'inizio del secolo.

La diminuzione arriva nonostante l'intensa stagione degli incendi, che negli anni precedenti ha portato ad ampie aree di perdita di foreste primarie. Mentre alcuni danni dovuti agli incendi di fine anno potrebbero non essere rilevati fino al 2020, tre anni consecutivi di perdite storicamente basse suggeriscono che l'Indonesia potrebbe aver compiuto una svolta nei suoi sforzi per ridurre la deforestazione.

La Colombia ha mostrato segni di contenimento della drammatica perdita di foreste

 

Anche la Colombia ha registrato una significativa diminuzione della perdita di foreste primarie nel 2019, offrendo la speranza che il Paese possa cambiare rotta dopo le pesanti perdite di foreste dei due anni precedenti. La perdita di foreste primarie in Colombia è aumentata rapidamente dopo l'accordo di pace del 2016 tra il governo e FARC, che ha posto fine al violento conflitto, ma ha anche portato a un vuoto di potere sulle terre precedentemente occupate in Amazzonia.

L'inversione di tendenza suggerisce che le azioni del governo colombiano potrebbero avere un impatto. Il Paese si è posto obiettivi ambiziosi sia per ridurre la deforestazione che per piantare milioni di alberi nelle aree disboscate. Nell'aprile 2019, il presidente della Colombia ha lanciato l'"Operazione Artemisa" che impiega militari, polizia e altri enti pubblici per fermare la deforestazione nei parchi nazionali del paese, anche se le sue attività non sono prive di controversie.

Nonostante il calo, la lotta della Colombia per ridurre la deforestazione è tutt'altro che finita. La perdita di foreste primarie della Colombia nel 2019 era ancora superiore a qualsiasi anno prima dell'accordo di pace, con grandi perdite rilevate in alcune aree protette e la continuazione delle operazioni di disboscamento per l'accaparramento delle terre e l'allevamento del bestiame. Il numero di allarmi di deforestazione quasi in tempo reale in Colombia è stato insolitamente alto nella prima parte del 2020, facendo temere che il declino della perdita di foreste primarie possa essere di breve durata.

Gli incendi australiani hanno causato una sconcertante perdita di copertura arborea

Incendio Australia 

Al di fuori dei tropici, gli incendi hanno incendiato l'Australia verso la fine del 2019 e all'inizio del 2020, causando una massiccia perdita di copertura arborea. Il 2019 è stato di gran lunga il peggior anno dell'Australia, con un aumento di sei volte la perdita di copertura arborea rispetto all'anno precedente. E l'impatto reale degli incendi australiani sulla perdita di copertura degli alberi è probabilmente peggiore, dato che gli incendi che si sono protratti fino al 2020 non sono riportati nei dati.

Ora è il momento di raddoppiare la protezione delle foreste

 

Nonostante gli evidenti successi ottenuti da alcuni Paesi nel contenimento della perdita di foreste, i dati del 2019 sottolineano un fatto: la lotta per contenere la perdita di foreste tropicali è tutt'altro che finita.

La maggior parte dei paesi e delle aziende non riusciranno a rispettare gli impegni assunti per il 2020 in materia di foreste, e la perdita di foreste primarie tropicali rimarrà più alta che mai. La pandemia di coronavirus rappresenta un'ulteriore minaccia per le foreste del mondo nei mesi e negli anni a venire. Nel breve termine, le foreste potrebbero essere colpite da una mancanza di applicazione della legge, con una conseguente maggiore incidenza di disboscamenti illegali e incendi. Nel medio termine, il declino economico e le misure di stimolo possono comportare una maggiore perdita di foreste, mentre i paesi cercano di stimolare le loro economie con le industrie estrattive, come è avvenuto in Indonesia durante la crisi finanziaria asiatica.

Anziché sacrificare le foreste nella ricerca della ripresa economica, che porterà solo a future complicazioni per la salute e la sussistenza di milioni di persone in tutto il mondo, i governi possono ricostruire meglio. Investire nel ripristino e nella sana gestione delle foreste creerà posti di lavoro, contribuirà a rendere più sostenibili le economie e proteggerà gli ecosistemi forestali di cui il nostro mondo ha bisogno.

IT
Italiano