Spedizione Gratis da soli € 34,90 

Spedizione in 24/ 48h

Microplastiche, quel che c'è da sapere!

pesce in piatto con microplastiche

 

Le microplastiche rappresentano un'enorme minaccia, sia per il nostro pianeta, sia per la nostra salute.
Ma dove si trovano e come si possono eliminare il più possibile dalla vita quotidiana? Scopriamolo insieme!

Cosa sono le microplastiche

Le microplastiche sono delle piccole particelle di plastica che inquinano i nostri mari e oceani (ma non solo, perché sono presenti anche nel suolo).
Sono così chiamate, in quanto hanno delle dimensioni estremamente ridotte: variano infatti dai centesimi di millimetro ai 5 millimetri massimo. Insomma, praticamente invisibili!
Diventano un serio pericolo, poiché impiegano centinaia di migliaia di anni per disciogliersi. Come a dire che non ce ne libereremo praticamente mai.
Inoltre possono essere ingerite sia da numerosi organismi, sia dai pesci e dagli altri animali marini che, non solo muoiono per questo, ma oltretutto spesso finiscono, con il loro bel ripieno di plastica, sulle nostre tavole.

 

Perché le microplastiche sono presenti nei mari

Le microplastiche sono presenti nei mari e negli oceani a causa della produzione industriale della plastica non riciclabile, la quale viene poi dispersa nell'ambiente. Quasi tutto quello che gettiamo via e non conferiamo regolarmente finisce poi nelle acque.
Oltre alle microplastiche esistono anche le nanoplastiche, ossia delle particelle ancora più piccole, che però non possono essere al momento campionate dalle tecnologie attuali. Il fatto che non si possano quantificare e misurare non significa però purtroppo che non ci siano e che non finiscano nei nostri stomaci.

microplastiche trovate in spiaggia

Come limitare la dispersione di microplastiche, ovvero vivere senza plastica usa-e-getta

Limitare la quantità di microplastiche che finisce nei mari non è semplice ma ci sono delle abitudini che possiamo cambiare e dei prodotti che possiamo evitare per ridurre la loro dispersione nell'ambiente.
Evitare quanto più possibile la plastica in ogni sua forma e, soprattutto, quando è usa-e-getta ,è il primo grande passo che come consumatori possiamo fare.
Un altro importante accorgimento, anche se può sembrare banale, è la raccolta differenziata, grazie alla quale avrai la possibilità di facilitare lo smaltimento dei rifiuti, e prima ancora l’attenzione a non disperdere mai rifiuti nell'ambiente. Basta un po’ di accortezza, non servono super poteri.

Altro capitolo importante della lotta senza quartiere alle microplastiche è il bucato. Molte delle particelle di plastica che finiscono in mare partono proprio dalle nostre lavatrici e dai nostri abiti. Limitare il numero di lavaggi, impostare sempre basse temperature che non danneggino i tessuti e preferire quelli naturali a quelli sintetici che rilasciano, indovinate un po’, microplastiche.

Ti consigliamo anche di preferire i prodotti liquidi a quelli in polvere, in quanto la granulosità di questi ultimi esercita un'azione micro abrasiva sui tessuti.
Quindi oltre a farli durare per meno tempo, facilita il distacco di una quantità maggiore di microfibre, che a loro volta si disperdono nell'ambiente.

Infine, per risparmiare ancora di più su tutti i fronti, è bene avviare la lavatrice solo a pieno carico.

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

IT
Italiano